domenica 20 agosto 2017

Ciambella soffice alla frutta con avanzi di estratto (senza latticini)


Volete una ricetta per riutilizzare gli scarti degli estratti? Allora provate questa torta, soffice e senza latticini, è una merenda buona e sana per tutta la famiglia.
La polpa di frutta o verdura che avanza dai miei estratti finisce sempre in un sacchetto in freezer, in attesa di essere riutilizzata. Avevo un misto di ciliegie, pesche, albicocche, prugne e carote, ho fatto saltare tutto in padella con un po' di zucchero e ho messo creando una composta e l'ho messa nell'impasto di questa torta. Buonissima!
Vi lascio la ricetta della ciambella soffice (senza latticini) alla frutta con avanzi di estratto, spero che vi piaccia.

INGREDIENTI per uno stampo a ciambella da 22 cm:

Per la composta:

250 gr di polpa avanzata da un estratto
100 ml di acqua
3 cucchiai di zucchero

Per la torta:

350 gr di composta di frutta
200 gr di farina integrale
3 uova
150 gr di zucchero
35 gr di olio di semi di girasole
1/2 bustina di lievito
1 pizzico di sale

Per la decorazione:

3 cucchiai di zucchero a velo
Acqua
Granella di zucchero

PREPARAZIONE:

Per prima cosa preparate la composta.
Mettete la polpa di frutta, lo zucchero e l'acqua in una padella e fatela saltare 5 minuti. Passatela con un frullatore a immersione e fate raffreddare completamente.

Preparate ora la torta.
Montate leggermente le uova con lo zucchero, aggiungete l'olio e la composta di frutta, mescolando bene. Unite la farina, il lievito e il sale. Continuate a mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo, mettetelo in uno stampo oliato e infarinato e cuocete in forno a 180 gradi per circa 35 minuti. Fate raffreddare la ciambella.

Procedete alla decorazione.
Mettete in una ciotolina lo zucchero a velo ed aggiungete un cucchiaio d'acqua, mescolando per ottenere la glassa. Versatela sulla torta ed ultimate con la granella di zucchero.



venerdì 18 agosto 2017

Insalata di carote e Bresaola affumicata


Vorrei darvi un'idea molto semplice per riutilizzare gli "scarti" (ovvero la polpa) dell'estrattore, in questo caso di carota. Se non avete un estrattore per realizzare quest'insalata potete semplicemente sostituire la polpa con carota grattugiata finemente o tritata. La ricetta è molto semplice ma gustosa, e nasce appunto per riciclare un prodotto di scarto, che scarto non è.
Ogni volta che preparo un estratto penso a come riutilizzare la polpa della frutta e della verdura che metto nel mio succo. In questo caso ho coperto lo scarto delle carote con della pellicola, conservato in frigo e il giorno seguente l'ho usato per preparare l'insalata.
Vi lascio la ricetta dell'insalata di carote e bresaola affumicata, spero che vi piaccia.

INGREDIENTI:

2 carote (la polpa avanzata da un estratto oppure carote grattugiate finemente)
40 gr di bresaola affumicata di manzo
1 gambo di sedano
Formaggio grana
Semi di girasole
Semi di sesamo neri
Olio evo
Aceto balsamico
Sale
Pepe

PREPARAZIONE:

Tagliate a striscioline la bresaola, a fettine il sedano e fate delle scaglie con il formaggio grana. Se utilizzate la polpa di carote avanzata da un estratto aggiungete un paio di cucchiai d'acqua per reidratarla, altrimenti grattugiate finemente 2 carote. Unite tutti gli ingredienti in una ciotola, aggiungete i semi e condite con sale, pepe, olio e aceto. Mescolate e servite subito.

sabato 12 agosto 2017

Estratto di Anguria, Carote e Pesche

Gli esperti dicono che per capire se un'anguria è buona bisogna bussare con il pugno e sentire il rumore che fa, se suona "di vuoto" è matura e zuccherina. Di solito funziona... di solito... Stavolta invece la mia anguria sapeva di poco, la parte buona e dolce era solo quella centrale, cosi tutto il resto, parte bianca compresa, è finito in questo succo, ricco di vitamina C, betacarotene e sali minerali.

INGREDIENTI:

1 grossa fetta di anguria (compresa la parte bianca)
2 pesche
2 carote
1/2 lime

PREPARAZIONE:

Togliete i semi più grossi dall'anguria,  i noccioli delle pesche e pelate il lime al vivo, togliendo anche la pellicina bianca. Spazzolate le carote e tagliate tutto a pezzi. Iniziate ad estrarre il succo delle carote e tenete la polpa da parte, potrete congelarla e usarla per altre ricette, come le polpette di carote e cannellini. Continuate inserendo il resto della frutta e mescolate bene per amalgamare i succhi. Servite fresco.

Sarebbe meglio consumare subito il succo ma se volete conservarlo per berlo nell'arco della giornata mettetelo in una bottiglia di vetro, avvitate bene il tappo e tenetelo in frigorifero. Col tempo cambierà leggermente colore per via dell'ossidazione ma sarà sempre buono e salutare.

sabato 29 luglio 2017

Risotto all acqua di Pomodoro e Pesto


Per ottenere l'acqua di pomodoro basta tagliare in quattro dei pomodori, togliere i semi e il liquido, raccoglierli in un colino a maglie fitte, e lasciarli sgocciolare per alcune ore. Nonostante sia un prodotto di "scarto" quest'acqua è molto saporita e può dare quel tocco di acidità e di freschezza in più ad un piatto. Io ne avevo molta perché ho preparato la salsa di pomodoro ed il liquido in eccesso era abbondante, quindi per non buttarla l'ho usata in questo risotto. È un piatto senza proteine animali e derivati perché l'ho pensato per il meat free contest di Daniela, il cui tema è appunto la cucina con prodotti di stagione e senza proteine animali.
Vi lascio la ricetta del risotto all'acqua di pomodoro e pesto, spero che vi piaccia.

INGREDIENTI per 4 persone:

320 gr di riso carnaroli
1 scalogno
Acqua di pomodoro
1 cucchiaio di passata di pomodoro
1 cucchiaio di pinoli
Brodo vegetale (per me col mio dado fatto in casa)
Olio evo
2 cucchiai di pesto
Sale

Per il pesto:

1 mazzo di basilico
2 cucchiai di pinoli
1/2 spicchio d'aglio
Olio evo
Sale

PREPARAZIONE:

Per preparare il pesto velocemente mettete nel frullatore gli ingredienti e frullate ad intermittenza.
Tagliate lo scalogno e fatelo soffriggere in padella con un filo d'olio. Aggiungete il riso, fatelo tostare, aggiungete la passata e a poco a poco, il brodo bollente unito all'acqua di pomodoro. Portate il risotto a cottura, regolate si sale e mantecate con un filo d'olio. Impiattate aggiungendo un cucchiaino di pesto per ogni piatto, mischiatelo leggermente ed aggiungete dei pinoli. Servite subito.

Con questa ricetta partecipo (fuori concorso) al contest di "Timo e Lenticchie"

giovedì 13 luglio 2017

Polpette di Melanzane e Carote

Far mangiare le verdure a mio figlio è sempre un problema, non tanto per il gusto, è più una cosa psicologica. Ad esempio non si degna neanche di assaggiare le carote ma gli piacciono se le metto nelle polpette. Le melanzane anche, e lo stesso per i legumi, fagioli e lenticchie li mangia solo ed esclusivamente se fatti a burger o a polpette. Da qui nasce la mia esigenza di fare tutto "a polpetta". Con l'arrivo dell'estrattore nella mia cucina poi quasi tutti gli scarti dei vegetali vengono recuperati, indovinate come? Esatto! Ora V i lascio la ricetta delle mie polpette di melanzane e carote e spero che vi piaccia.

INGREDIENTI:

1 melanzana
1 grossa carota
1 uovo
2 cucchiai di grana grattugiato
1 spicchio d'aglio
Pangrattato
Olio evo
Sale

PREPARAZIONE:

Tagliate la melanzana a metà e incidete la polpa con un coltello praticando dei tagli per favorire la cottura. Cuocetela a vapore nel microonde per 15 minuti. Fatela raffreddare, togliete la polpa e tagliatela a coltello. Tritate la carota e fatela saltare in padella con un filo d'olio e lo spicchio d'aglio. Quando sarà cotta e intiepidita togliete l'aglio e unitela alla polpa di melanzana. Aggiungete l'uovo, il formaggio, il sale e tanto pangrattato quanto ne servirà per ottenere un impasto morbido e lavorabile. Formate le polpette e cuocetele in padella con un filo d'olio, girandole un paio di volte. Saranno sufficienti 5 di cottura, servite le polpette di melanzane e carote calde o a temperatura ambiente. Sono buonissime anche il giorno dopo!

sabato 1 luglio 2017

Meat Free Contest Maggio-Giugno, la ricetta vincente e'...

Mamma mia come vola il tempo... siamo già a Luglio! E' finita un'altra tappa del Meat Free Contest ed è con piacere che vi comunico i finalisti e il vincitore ma per prima cosa vorrei ringraziare tutti i partecipanti per aver condiviso le loro ricette.
Il contest è stato ospitato da Tania e il suo blog Cucina che ti passa ed è stata proprio lei a scegliere il tema, la frutta di stagione, e a scegliere i finalisti che sono:

Morbido di ricotta con salsa alle ciliegie di Fraduefuochi

New York cheesecake alla fragola di Timo e lenticchie

Torta alla ciliegie e ricotta di La Pentola Senza glutine

Tre proposte dolci molto interessanti che mi sono piaciute molto ma devo scegliere... Il vincitore del contest è...




Sarà il suo blog, Timo e lenticchie, ad ospitare il contest per il prossimo bimestre. Andiamo a trovarla nei prossimi giorni per scoprire che tema sceglierà, se metterà delle restrizioni o degli ingredienti obbligatori. A presto!



venerdì 30 giugno 2017

Confettura di Ciliegie e More di Gelso


Ormai è tempo di preparare le confetture, l'estate è arrivata! Io ho già aperto le danze con la confettura di buccia d'anguria, fatta a costo 0, ho continuato con una gelatina morbida di more di gelso, e ora proseguo con questa confettura di ciliegie e more di gelso. Le more le ho colte dai gelsi davanti a casa mia e le ciliegie me le hanno regalate. Vi lascio la ricetta e spero che vi piaccia:

INGREDIENTI:

1 kg di more di gelso miste (rosse, bianche e nere)
500 gr di ciliegie (pesate già denocciolate)
2 mele con la buccia
1 kg di zucchero

PREPARAZIONE:

Lavate la frutta e con le forbici tagliate il picciolo alle more di gelso, togliete il nocciolo alle ciliegie e tagliatele a metà. Togliete il torsolo alle mele e mettetele nel mixer con la buccia. Frullatele e mettete le mele in una pentola capiente insieme all'altra frutta, aggiungete lo zucchero e portate a bollore. Fate cuocere la confettura per circa 40 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Nel frattempo sterilizzate i vasi e i coperchi:
Mettete i vasetti di vetro e i tappi in una pentola con acqua bollente per 10 minuti. Toglieteli con delle pinze e metteteli a scolare su un canovaccio pulito. Quando saranno asciutti riempiteli con la confettura, chiudete bene i tappi e capovolgeteli. Riponeteli dispensa al buoi, dopo una decina di giorni saranno pronti per essere consumati. Una volta aperto il barattolo conservatelo in frigo.


 con questa ricetta partecipo al #GFCalendar di giugno sulle ciliegie  di Gluten Free Travel & Living e la collaborazione di Silvia di Eppur non c’è.




martedì 27 giugno 2017

Spaghetti con polpettine di Melanzane




Ci sono 34 gradi e mio figlio cosa vuol mangiare? Qualcosa di fresco? No! Gli spaghetti con le polpette... Va bene, visto che ha la varicella e non mangia quasi niente, ho deciso di accontentarlo ma le polpette le ho fatte a modo mio: niente carne, le melanzane sono di stagione e nel mio frigo la verdura non manca mai, quindi ho pensato di farle così. Sono state gradite da tutti, marito compreso!
Vi lascio la ricetta e spero che vi piaccia.

INGREDIENTI per le polpette:

1 grossa melanzana
5 foglie di basilico
1 uovo
2 cucchiai di formaggio Grana grattugiato
Pangrattato
Sale
Pepe

Per il sugo:

400 gr di polpa di pomodoro
1 scalogno
Olio evo
Sale

Per la pasta:

320 gr di spaghetti grossi
Sale

PREPARAZIONE:

Fate l'impasto delle polpette:
Tagliate la melanzana per il lungo e incidete la polpa con un coltello per facilitare la cottura. Mettetela in un contenitore col coperchio e cuocetela a vapore nel microonde per circa 10 minuti. Fatela raffreddare, schiacciatela per togliere l'acqua in eccesso ed eliminate la buccia. Tritatela con il coltello e mettete la polpa in una terrina. Aggiungete l'uovo, il formaggio, il basilico tritato, sale, pepe e il pangrattato per ottenere un composto malleabile.

Preparate il sugo:
In una padella versate un filo d'olio e rosolate lo scalogno tritato, aggiungete la polpa di pomodoro, un po' d'acqua e regolate di sale. Date la forma alle polpettine e tuffatele nel sugo caldo.

Cuocete gli spaghetti e ultimate il piatto:
Portate a cottura gli spaghetti e cuocete le polpettine di melanzane per circa 15 minuti, A cottura ultimata, condite gli spaghetti con il sugo e le polpettine.


 Con questa ricetta partecipo al contest di Barbara "Di cucina in cucina" ospitato dal blog Passatelli e scialatielli con il tema “sapori & profumi dell’orto di inizio estate”


venerdì 23 giugno 2017

Crostata senza cottura con Lamponi e Albicocche

Con questo caldo non si può assolutamente accendere il forno... più che altro perché col condizionatore acceso salterebbe la corrente! :-) E quindi? Ci facciamo una bella torta senza cottura, fresca e veloce? È una crostata di frutta, estiva e senza cottura con panna, lamponi e albicocche. Vi lascio la ricetta, spero che vi piaccia!

INGREDIENTI per la frolla senza cottura:

220 gr di biscotti frollini
100 gr di burro

Per il ripieno:

250 ml di panna fresca da montare
10 lamponi
2 cucchiai di zucchero a velo

Per guarnire:

150 gr di lamponi
3 albicocche
Zucchero a velo

PREPARAZIONE:

Sciogliete il burro e versatelo in un mixer con i biscotti, tritate e riducete tutto in briciole. Rivestite uno stampo antiaderente con le briciole e comprimetele bene con un cucchiaio. Riponete lo stampo in frigo. Montate la panna con lo zucchero a velo ed aggiungete i lamponi leggermente spezzettati. Togliete il guscio dal frigo, riampitelo con la crema e riponetelo di nuovo in frigo per almeno un'ora. Togliete con delicatezza la crostata dallo stampo e mettetela sul piatto da portata. Disponete  i lamponi e le albicocche come preferite e spolverate con zucchero a velo. Lasciate in frigo fino al momento di servire.

Polpette di Carote e Cannellini con scarti dell'estrattore

Da quando ho l'estrattore di succo a freddo lo uso quasi tutti i giorni, frutta e verdura finiscono li dentro e noi facciamo il pieno di vitamine con succhi buonissimi e preparati al momento. Oggi però non voglio parlarvi dei succhi che si possono ottenere con l'estrattore, bensì della polpa, il cosiddetto "scarto", che si può utilizzare per altre preparazioni. In questo caso ho utilizzato la polpa di carote e pomodorini, per fare queste polpette.
Potete conservare la polpa in freezer fino al momento di utilizzarla. Mettetela in un sacchetto di plastica e scriveteci sopra cosa contiene.
Se non possedete un estrattore potete fare questo piatto tritando carote e pomodorini ed aggiungendo un po' più pangrattato all'impasto.
Vi lascio la ricetta, spero che vi piaccia!

INGREDIENTI:

La polpa avanzata dall'estratto di: 2 carote e 3 pomodorini
250 gr di fagioli cannellini già cotti
1 uovo
2 cucchiai di formaggio grattugiato
3 foglie di basilico
1/2 spicchio d'aglio
Pangrattato
Olio evo
Sale
Pepe

PREPARAZIONE:

Mettete un filo d'olio in una padella e soffriggete lo spicchio d'aglio. Unite la polpa delle carote e dei pomodorini, salate, pepate, aggiungete qualche cucchiaio d'acqua e cuocete per 5 minuti. Frullate i fagioli col basilico, unite l'uovo, il formaggio e la polpa delle carote ormai tiepida (a cui avrete tolto l'aglio). Amalgamate con le mani aggiungendo pangrattato fino a raggiungere la giusta consistenza e formate le polpette. Io per farle uguali uso il porzionatore del gelato. Passatele nel pangrattato e cuocetele in padella con un filo d'olio per qualche minuto, fino a doratura. Sono ottime calde o a temperatura ambiente.


martedì 20 giugno 2017

Gelatina morbida di More di Gelso rosse


Qualche giorno fa ho fatto di nuovo incetta di more di gelso per farci ancora la confettura. La voglia di tagliare il picciolo a tutte le more era meno di zero, così ho pensato di estrarne il succo, e con lo stesso procedimento di farci una gelatina. Non volevo però una gelatina troppo solida ma una morbida, che si potesse spalmare sul pane come la marmellata e quindi via, tutte le more sono finite nell'estrattore e con l'aiuto della pectina in 5 minuti ho cotto tutto. E' venuta perfetta! Liscia, senza semi e buonissima.
Vi lascio la ricetta, spero che vi piaccia!

INGREDIENTI:

1 litro di succo di more di gelso rosse
450 gr di zucchero
1 busta di pectina (fruttapec 2:1)

PREPARAZIONE:

Mettere in una pentola capiente il succo di more ed aggiungete lo zucchero e la pectina a freddo. Portate a bollore e cuocete 4 o 5 minuti mescolando un paio di volte. Spegnete il fuoco ed invasate la gelatina bollente nei vasetti sterilizzati. Chiudeteli e capovolgeteli fino a che si raffreddano. Conservate la gelatina in dispensa, al buio, dopo 10 giorni sarà pronta per essere consumata.

COME STERILIZZARE I VASETTI:

Mettete i vasetti di vetro e i tappi in una pentola con acqua bollente per 10 minuti. Toglieteli con delle pinze e metteteli a scolare su un canovaccio pulito. Quando saranno asciutti riempiteli con la gelatina, chiudete bene i tappi e capovolgeteli. 

giovedì 15 giugno 2017

Pesto di Carote e Noci

Fa molto caldo e cerco di non accendere i fornelli. L'idea iniziale era quella di fare per cena un pesto per la pasta... è stata subito modificata in un condimento per bruschette... rigorosamente tutto a crudo.
Vi lascio la ricetta, spero che vi piaccia.

INGREDIENTI per 4 bruschette:

4 fette di pane al farro integrale
2 carote
6 foglie di basilico
8 noci
2 cucchiai di grana grattugiato
2 cucchiai d'acqua
1/2 spicchio d'aglio
Olio evo
Sale
Pepe

PREPARAZIONE:

Pulite le carote e tagliatele a fette, frullatele con l'aglio, l'olio, l'acqua e il basilico. Aggiungete 4 noci, il formaggio, sale, pepe e frullate ancora. Spalmate il pesto di carote e noci sulle fette di pane (se volete abbrustolitele in padella come ho fatto io), aggiungete le noci spezzettate e servite.

mercoledì 14 giugno 2017

Crumble di More di Gelso rosse


Ero alla ricerca di una torta che fosse veloce da fare e non mi facesse sporcare tutta la cucina, e mi è venuto in mente il crumble! L'ho preparato in pochissimo tempo ed è venuto bene, croccante sopra e con un morbido ripieno dentro. Per farlo ho sporcato solo una ciotola e non ho neanche dovuto stendere la pasta, basta ottenere delle briciole. Ora vi lascio la ricetta e spero che vi piaccia.

INGREDIENTI per il crumble

50 gr di farina di mandorle
50 gr di farina integrale
60 gr di burro freddo
60 gr di zucchero
1 pizzico di sale

Per il ripieno:

300 gr di more di gelso rosse (o frutti di bosco)
2 cucchiai di zucchero

PREPARAZIONE:

Tagliate il picciolo delle more con le forbici, lavatele e fatele asciugate. Mettete in una ciotola le farine, il sale e lo zucchero. Aggiungete il burro tagliato a cubetti e lavorate tutto con la punta delle dita. Dovrete ottenere un impasto sbriciolato, ci vorrà meno di un minuto. Cospargete le more di gelso con lo zucchero e mescolatele bene, quindi mettetele in una teglia di vetro o ceramica e versate sopra le briciole senza pressarle.
Cuocete a 180 gradi per circa 30 minuti. Fate raffreddare prima di servire.


Per fare questo crumble ho colto le more di gelso rosse da uno dei tanti alberi davanti a casa mia. Se anche voi avete la fortuna di poterle prendere ricordatevi che dovete consumarle nel giro di due giorni, perché si rovinano subito, e lavatele appena prima di mangiarle!


 Con questa ricetta partecipo al contest di Barbara "Di cucina in cucina" ospitato dal blog Passatelli e scialatielli con il tema “sapori & profumi dell’orto di inizio estate”




venerdì 9 giugno 2017

Confettura di buccia d'Anguria

L'anguria è un frutto molto goloso e in estate ne consumiamo molta, ogni volta però con le bucce riempiamo in un attimo il secchiello dell'umido. Possibile che non ci sia un modo per usare questi scarti? Certo che c'è, ed eccolo qui: è la confettura di bianco di anguria. Ideale in una crostata, spalmata sul pane a colazione oppure in una cena abbinata ai formaggi stagionati.
Un modo semplice per cucinare senza sprechi e creare quasi a costo zero un ottimo prodotto.
Vi lascio la ricetta e spero che vi piaccia!


INGREDIENTI per 3 vasetti da 400 ml:

1 kg di buccia di anguria (la parte bianca)
500 gr di zucchero semolato
1cucchiaino di cannella
2 cucchiai di succo di limone
1 busta di pectina fruttapec 2:1

PREPARAZIONE:

Fate a cubetti la parte bianca dell'anguria, pesatela e mettetela in una pentola capiente. Aggiungete lo zucchero, la pectina, mescolate ed accendete il fuoco. Dal bollore fate cuocere per 5 minuti mescolando un paio di volte. Aggiungete il succo di limone, la cannella, mescolate e spegnete il fuoco. Invasate subito la confettura nei barattoli sterilizzati, chiudeteli e fateli raffreddare capovolti. Conservateli al buio nella dispensa e dopo 10 giorni la confettura di bianco d'anguria sarà pronta per essere consumata. Essendo l'anguria un frutto con un'acidità molto bassa é bene non conservare la confettura per molto tempo perché potrebbe deteriorarsi. Al massimo circa 5 mesi ma non preoccupatevi, finirà molto prima.

COME STERILIZZARE I VASETTI:

Mettete i vasetti di vetro e i tappi in una pentola con acqua bollente per 10 minuti. Toglieteli con delle pinze e metteteli a scolare capovolti su un canovaccio pulito. Quando li riempite di marmellata o confettura dovranno essere perfettamente asciutti.


Con questa ricetta con la frutta di stagione partecipo (ovviamente fuori concorso) al mio Meat Free Contest ospitato per questo bimestre da Cucina che ti passa.


lunedì 5 giugno 2017

Insalata tiepida di Funghi, Guanciale e germogli di Soia

Oggi piove e non fa caldo come nei giorni scorsi, quindi ne ho approfittato per preparare questo piatto, una via di mezzo tra un'insalata e un contorno. I contorni mi piacciono molto ma, non so perchè, non li posto spesso. Forse perché sono considerati solo un accompagnamento e sono un po' sottovalutati... e pensare che le verdure invece mi piacciono tantissimo! A volte preparo 3 o 4 contorni diversi e mangio solo quelli :-)
In questa insalata il contrasto freddo - caldo è molto piacevole, provatela e fatemi sapere cosa ne pensate. Ora vi lascio la ricetta e spero che vi piaccia.

INGREDIENTI per 2 persone:

1 cespo di insaata
6 funghi tipo champignon
1 pomodoro
50 gr di guanciale
80 gr di germogli di soia
Olio evo
Aceto balsamico
Sale
Pepe

PREPARAZIONE:

Lavate e asciugate l'insalata, tagliatela a pezzi e mettetela in un'insalatiera con i pomodori tagliate a fette. Tagliate a strisce il guanciale e fatelo rosolare in una padella senza alcun condimento, finché diventerà croccante. Pulite i funghi e affettateli sottilmente. Togliete il guanciale dalla padella e metteteci i funghi. Fateli cuocere per 3 minuti ed aggiungete i germogli di soia. Salate, pepate e fate cuocere per altri 3 minuti. Condite l'insalata con sale, aceto e olio, aggiungete i funghi e i germogli intiepiditi e mescolate bene. Servite subito.



mercoledì 31 maggio 2017

Pesto di Barbabietola


Un alimento che non manca quasi mai in casa nostra sono le barbabietole. Non parlo però di quelle tristi confezionate sotto vuoto, quelle sanno di poco... a noi piacciono molto quelle crude, o quelle che si comprano già cotte al forno. Sono molto più buone, hanno tutto un altro sapore e le ho usate per fare questo pesto, ottimo da spalmare sui crostini come antipasto, oppure come nel mio caso, per condire la pasta.
Vi lascio la ricetta, spero che vi piaccia.

INGREDIENTI:

1/2 barbabietola cotta al forno
3 cucchiai di pecorino romano grattugiato
1/2 spicchio d'aglio
Aneto
Olio
Sale
Pepe

PREPARAZIONE:

Pelate la barbabietola e tagliatela a pezzi. Frullatela con l'aglio, l'aneto, l'olio e il pecorino, aggiungendo un po' d'acqua per raggiungere la giusta densità.
Regolate di sale e pepe e il pesto è pronto.
In questo caso l'ho usato per condire degli spaghetti, aggiungendo altro pecorino e dei taralli sbriciolati.

martedì 30 maggio 2017

Estratto di Uva, Pera e More di gelso bianche


Anche oggi sono andata a raccogliere un po di more di gelso, stavolta quelle bianche, molto più dolci rispetto a quelle nere, e le ho usate per un estratto.
Le more di Gelso bianco danno molti benefici all'organismo e sono ricche di proteine e vitamine: A, C, K, E e vitamine del gruppo B. A noi piacciono proprio tanto e, come avrete notato, le usiamo spesso quando le troviamo. Solitamente non compro frutta fuori stagione ma mi hanno regalato un grappolo d'uva ed ho deciso di aggiungerlo a questo succo, che col suo sapore dolce è adatto ad essere consumato anche dai bambini, infatti mio figlio ne va matto!

INGREDIENTI per 2 persone:

20 acini d'uva
1 pera
40 more di gelso bianche
1/2 lime

PREPARAZIONE:

Staccate gli acini dal raspo, levate il picciolo alla pera e tagliatela a pezzi. Pelate al vivo il lime, togliendo anche la parte bianca, e mettete la frutta, alternandola, nell'estrattore. Bevete subito il succo ottenuto.

domenica 28 maggio 2017

Clafoutis di More di Gelso nere



Di fronte a casa mia c'e un parco pieno di gelsi carichi i frutti. La maggior parte sono ancora un po' acerbi ma stamattina, da lontano, ho visto una pianta stracolma di more e mi sono fiondata a raccoglierle. Ci ho fatto questa buonissima torta, ma ho già pensato ad altre ricette perché penso di raccoglierne altre, tempo permettendo...
Ora vi lascio la ricetta, spero che vi piaccia!

INGREDIENTI:

230 gr di more di gelso
200 ml di latte intero
90 gr di farina integrale
3 uova
110 gr di zucchero
1 pizzico di sale

Per rivestire lo stampo:

1 noce di burro
2 cucchiai di zucchero

PREPARAZIONE:

Lavate le more, togliete il picciolo con le forbici e fatele asciugare. In una ciotola mescolate le uova con lo zucchero, aggiungete il sale, il latte ed infine, sempre mescolando, la farina. Otterrete una pastella piuttosto liquida. Ungete lo stampo con il burro e cospargetelo di zucchero, togliendo l'eccesso. Disponete le more sul fondo della teglia e versateci delicatamente la pastella. Cuocete in forno a 180 gradi per circa 45 minuti. Controllate la cottura e fate raffreddare il dolce prima di sformarlo.



More di gelso




sabato 27 maggio 2017

Il mio Dakos con Pomodorini, Capperi e Feta per il Club del 27


Eccoci giunti anche questo mese al 27, il giorno di pubblicazione di tutte le ricette del Club del 27. Come sempre trattiamo un tema passato di MTChallenge, in questo caso le insalate, replicandone le ricette. Ho scelto di fare i Dakos cretesi, delle friselle molto semplici ma altrettanto gustose. La ricetta originale, tratta da La cucina greca di Jean-Michel Carasso, prevedeva le olive ma purtroppo non le avevo, ed essendomi ridotta all'ultimo momento per farla, le ho sostituite con i capperi, per dare un tocco salato in più. Un piatto semplice, veloce e gustoso, ideale da gustare in queste giornate calde.
Vi lascio la ricetta, spero che vi piaccia.

INGREDIENTI per 2 persone:

2 friselle integrali
14 pomodorini
60 gr di formaggio feta
1 cucchiaio di capperi sottosale
Crescione fresco
Olio evo
Aceto balsamico
Sale
Pepe

PREPARAZIONE:

Tagliate a pezzetti i pomodorini e conditeli con olio, sale, pepe e un goccio di aceto.
Sciacquate i capperi ed aggiungeteli ai pomodorini, mescolate e lasciate insaporire 5 minuti. Bagnate velocemente sotto l'acqua le friselle, salatele e farcitele con i pomodorini. Aggiungete la feta sbriciolata e un goccio del condimento  dei pomodorini. Spezzettate con le mani il crescione, mettetelo sulle friselle e servite subito.

Ecco qui tutte le altre ricette aderenti al club del 27, un ventaglio di insalate.




venerdì 26 maggio 2017

Estratto di More di gelso nere e Lime

Davanti a casa nostra c'è un grande parco con tanti gelsi che in questo periodo sono pieni di frutti molto buoni, ed io ogni due giorni esco con un sacchetto e vado a raccoglierli... Li adoro, il problema è che si deteriorano molto velocemente e vanno consumati nel giro di un paio di giorni. Nel corso degli anni ci ho fatto di tutto, confettura, macedonia, torte soffici, crostate... Quest'anno però nella mia cucina c'e stata una new entry, l'estrattore di succo! L'ho inaugurato con questo estratto, dal sapore leggermente aspro ma molto gradevole. Devo dire che l'estrattore è stato veramente un ottimo acquisto, non abbiamo mai consumato tanta frutta e verdura come ora!

INGREDIENTI:

300 gr di more di gelso nere
1 fettina di lime

PREPARAZIONE:

Sbucciate il lime togliendo anche la parte bianca ed introducete le more nell'estrattore. Aggiungete il pezzo di lime ed il succo è pronto. Bevetelo subito.


Partecipate al Meat Free Contest sulla frutta di stagione!




lunedì 15 maggio 2017

Tris di rolls al crudo di Salmone e Frutta

Anche se non mi sembra vero (di solito arrivo all'ultimo momento), ho già preparato la ricetta per la sfida del mese di MTChallenge, la numero 66. Ogni sfida è più bella della precedente... Stimolante, perché mi piace cercare nuovi abbinamenti di sapori, e si è trattato sempre di preparazioni per me nuove. Stavolta la sfida prevedeva di preparare 2 o 3 roll formati da una base arrotolabile, un ripieno e una base d'appoggio. Io ne ho fatti 3 diversi ma uniti da un unico filo conduttore, il salmone crudo abbinato alla frutta. Il tema della sfida è stato scelto da Giovanna, la vincitrice della scorsa edizione. Sul suo blog Gourmandia trovate un post molto bello e dettagliato sui rolls, leggetelo perché è veramente molto interessante.
Ora vi lascio la ricetta di questi antipasti, spero che vi piaccia.


  • Per il primo roll ho abbinato dei filetti di salmone con la senape e il mango:

INGREDIENTI per la base:

1/2 mango maturo

Per il ripieno:

100 gr di filetto di salmone già abbattuto
300 gr di formaggio caprino di latte vaccino
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaino di senape
2 rametti di aneto
1 pizzico di sale

Per i crackers:

4 cucchiai colmi di farina integrale
4 cucchiai d'acqua
1 pizzico di sale

PREPARAZIONE:

Pulite il pesce dalle lische e dalla pelle e tagliatelo a strisce belle alte. Mescolate il formaggio con il miele, la senape e un pizzico di sale. Sbucciate il mango ed affettatelo con una mandolina. Disponete le fette di mango su un tappetino da sushi rivestito di pellicola. Mettete sopra la crema di formaggio, aggiungete l'aneto tagliato a pezzettini ed infine le strisce di salmone. Arrotolate il roll, stringetelo nella pellicola trasparente e mettetelo in congelatore a rassodare. Preparate i cracker impastando insieme tutti gli ingredienti. Tirate la pasta col matterello fino ad uno spessore di un millimetro e tagliateli della stessa misura dei roll. Bucateli con la forchetta ed infornateli a 180 gradi per circa 12 minuti. Togliete dal freezer il roll e tagliatelo a fette senza togliere la pellicola. Lasciatelo un po' a temperatura ambiente. Raggiunta la temperatura di servizio voluta disponete le fette (stavolta senza pellicola) sui cracker e servite.



  • Per il secondo roll ho abbinato un carpaccio di salmone con la rucola e le more di gelso nero:



INGREDIENTI per la base:

150 gr di filetto di salmone già abbattuto

Per il ripieno:

1 patata bollita
13 more di gelso nero
Foglioline di rucola
Sale
1 pizzico di zenzero in polvere
Olio evo

Per la cialda di polenta:

Farina per polenta
Acqua
Sale

PREPARAZIONE:

Schiacciate la patata e conditela con il sale, lo zenzero e un filo d'olio. Togliete le lische e la pelle dal salmone e tagliatelo molto sottile in fette il più lunghe possibile. Disponete le fette di salmone su un tappetino da sushi rivestito di pellicola. Con le dita fate aderire la crema di patate sul salmone, aggiungete la rucola e le more di gelso. Arrotolate il roll, avvolgetelo nella pellicola e fatelo rassodare in freezer. Preparate la polenta aggiungendo la farina all'acqua bollente salata. Una volta cotta stendetela sulla carta forno molto sottile e fatela raffreddare. ritagliate dei dischi con un coppapasta ed infornateli a 180 gradi per 10 minuti, poi abbassate a 100 gradi per altri 10 minuti. Le cialde devono seccarsi e diventare molto croccanti.
Raggiunta la temperatura di servizio voluta disponete le fette (stavolta senza pellicola) sulle cialde di polenta e servite.


  • Per il terzo roll ho abbinato una tartare di salmone al lime con classico avocado:

INGREDIENTI per la base:

1 avocado maturo

Per la tartare:

100 gr  di filetto di salmone già abbattuto
1 cucchiaino di succo di lime
1 cucchiaio di salsa di soia
2 gocce di olio di sesamo
1/2 cucchiaino di zucchero

Per il ripieno:

1/2 patata bollita
2 cucchiai di spinaci già cotti e tritati col coltello
1 cucchiaino di succo di lime
1 cucchiaino di olio evo
Sale

Per i crackers:

4 cucchiai colmi di farina integrale
4 cucchiai d'acqua
1 pizzico di sale

PREPARAZIONE:

Pulite il salmone da lische e pelle e fatelo a pezzettini. Mettelo in una ciotola con tutti gli ingredienti della marinata, mescolatelo bene e fatelo riposare per almeno 30 minuti in frigorifero.  Sbucciate l'avocado, togliete il nocciolo ed affettatelo sottilmente. Disponete le fette su un tappetino da sushi rivestito di pellicola. Impastate gli spinaci con la patata e conditeli con il sale, l'olio e il succo di lime, disponete il ripieno sull'avocado ed aggiungete la tartare scolata. Arrotolate il roll, avvolgetelo nella pellicola e fatelo rassodare in freezer. Preparate i cracker impastando tutti gli ingredienti. Tirate la pasta col matterello fino ad uno spessore di un millimetro e tagliateli della stessa misura dei roll. Bucateli con la forchetta ed infornateli a 180 gradi per circa 12 minuti. Togliete dal freezer il roll e tagliatelo a fette senza togliere la pellicola. Lasciatelo un po' a temperatura ambiente. Raggiunta la temperatura di servizio voluta disponete le fette (stavolta senza pellicola) sui cracker e servite.


Decorate a piacere i roll prima di servirli.

Quasi dimenticavo... le more le abbiamo raccolte stamattina io e mio figlio dai gelsi vicino casa. Sono le prime della stagione e, come sempre, sono eccezionali!

Con questa ricetta partecipo a MTChallenge n. 66 i rolls



Vi ricordo che se volete potete partecipare al mio contest. Questa volta l'ingrediente obbligatorio è la frutta di stagione.


domenica 14 maggio 2017

Cucinare senza sprechi


Oggi è la festa della mamma e questo post lo dedico a tutte le mamme, in particolare a quelle che come me, cercano di sprecare il meno possibile. Auguri a tutte noi!
In molti mi hanno chiesto di approfondire l'argomento degli scarti alimentari, per cucinare senza sprechi e per riciclare il più possibile. Ormai lo sapete, non mi piace per niente sprecare, soprattutto in cucina. Alcuni alimenti hanno una percentuale molto alta di scarto, ed io cerco sempre di utilizzare queste parti, meno pregiate ma non per questo meno buone, per creare un piatto diverso. Ecco qualche idea per non sprecare:

Scarti di verdure, bucce e foglie:

  • Il modo migliore per usare le parti meno pregiate degli ortaggi è quello di farne delle zuppe:
La regola di base è di cuocerli con una patata, per ottenere una maggiore cremosità, insaporire con erbe aromatiche o spezie e frullare tutto.
  • Bucce di carote:
Tritate le bucce e saltatele in padella con un po' di burro, zucchero, frutta secca tritata e uvetta. aggiungete la cannella, fate raffreddare ed unitele all'impasto della torta margherita.
  • Frittata di foglie di ravanelli:
Tritate le foglie di ravanelli e sbollentatele per un paio di minuti. Scolatele ed aggiungetele alle uova per una frittata saporita.
  • Polpette di verdure con scarti vari:
Tagliate a cubetti gli scarti delle varie verdure (bucce di patate, carote oppure la parte centrale che avanza quando si usa il temperaverdure). Insaperiteli con sale, pepe, aglio ed aggiungete un uovo. Unite del pane grattugiato, formate le polpette e cuocetele al forno o in padella con un filo d'olio.
  • Chips di bucce di patate:
Quando vi servono le patate per una preparazione pulitele bene dalla terra e sbucciatele. Cucinate le patate come preferite e mettete da parte le bucce, se non vi servono subito potete anche congelarle. Tagliate le bucce a stiscioline, fatele friggere in olio bollente, aggiungete sale, pepe, paprika e servite subito.
  • Salsa di gambi di carciofi:
Cuocete in poca acqua i gambi e le foglie esterne dei carciofi. Scolateli e frullateli con qualche noce, uno spicchio d'aglio e un filo di olio. Servite con dei crostini di pane.
  • Pesto di bucce di carote:
Frullate le bucce delle carote con qualche mandorla, uno spicchio di aglio, un filo di olio e un pizzico di sale. Aggiungete del curry o della senape e servite il pesto con dei crostini di pane.

  • Risotto con foglie di carote o ravanelli:
Lavate e tagliate a listarelle le foglie di carote o ravanelli ed aggiungetele al risotto a metà cottura.

Baccelli di fave o piselli:

  • Crema di baccelli di fave o piselli:
Sbollentate i baccelli per 15 minuti, scolateli e frullateli con uno spicchio d'aglio, un filo d'olio, sale e pepe. Aggiungete della paprika affumicata o del peperoncino e servite la crema con dei crostini.

Insalata vecchia:

  • Bruschette di verdure:
Saltate in padella con un filo d'olio mezza cipolla affettata per due minuti. Spegnete il fuoco e aggiungete l'insalata vecchia, qualche oliva e un'acciuga a pezzi. Servitele con del pane vecchio tostato.

Pane raffermo:


  • Pizza di pane:

Tagliate a fette il pane raffermo e bagnatelo nel latte. Disponetelo in una teglia senza lasciare spazi e conditelo con passata di pomodoro, origano e mozzarella. Cuocete in forno per 20 minuti.

Scarti di pesci e crostacei:

  • Brodo di crostacei:
Mettete in una pentola i gusci e le teste dei gamberoni, aggiungete un filo d'olio, uno scalogno e un pezzo di carota. cuocete un paio di minuti ed aggiungete acqua e un pizzico di sale. Cuocete per 30 minuti, filtrate ed usate il brodo per un risotto.

  • Brodo di pesce con scarti:
Mettete la pelle, la lisca e la testa dei pesci in acqua fredda e fateli bollire con un pizzico di sale, una carota e un gambo di sedano per 30 minuti. Filtrate il brodo e usatelo in un risotto.

Scarti e bucce di frutta:

  • Biscotti con bucce di mela:
    Quando preparate i biscotti aggiungete le bucce di mela tagliate a striscioline all'impasto dei biscotti.
  • Confettura di bianco di anguria:
Tagliate la parte bianca dell'anguria e fatela macerare per una notte con succo di limone, zucchero e zenzero. Cuocete per 50 minuti e invasate.

_________________________________________


Ecco nel dettaglio alcune mie ricette:


Cercate un modo per utilizzare gli scarti dell'anguria? Eccolo qui: la confettura di bianco di anguria.
Confettura di buccia d'Anguria


_________________________________________


In questa crema, oltre al gambo del cavolfiore, ho usato lo scarto centrale delle carote che ho "temperato" per un'insalata

_________________________________________


Le foglie più esterne del cavolfiore sono ottime in questa crema.



_________________________________________


Le foglie della cicoria, che si trovano su un cespo di puntarelle, sono poche per essere consumate come contorno ma bastano ad insaporire questa crema di cannellini.


_________________________________________


Le foglie del cavolfiore (anche quelle delle carote) si possono fare in insalata accompagnate de altre verdure, e sono molto buone!


_________________________________________


Un risotto cremoso dal gusto intenso può nascere anche dallo scarto del cipollotto.

Risotto con gambi di Cipollotto e formaggio di Capra


_________________________________________


Con i gambi delle biete potete fare questo ottimo pesto, buono sui crostini e ottimo per condire la pasta.


_________________________________________


Gli scarti di carote, le foglie di sedano e le bucce di cipolla possono essere aggiunte ad altre verdure per ottenere un ottimo dado vegetale, utilissimo per insaporire i vostri piatti.


_________________________________________

La cucina del riciclo:



Una crostata per smaltire il cioccolato delle uova di Pasqua.


_________________________________________



Dei tartufi veloci per consumare il panettone o la colomba avanzati.



_________________________________________

Con la pasta avanzata è d'obbligo fare la frittata di pasta.

Frittata di Pasta



Un'altra buona idea è quella di utilizzare gli scarti di un prodotto alimentare in maniera alternativa, per utilizzi non alimentari:

Fondi di caffè:

- Possono essere utilizzati come deodorante per il frigorifero. Lasciati asciugare e messi in un piccolo contenitore, come un bicchierino di plastica, riposti in frigo per un paio di giorni assorbono gli odori sgradevoli.

- Dopo aver tagliato cipolla e aglio per togliere dalle mani l'odore sgradevole potete strofinarle con i fondi di caffè e sciacquarle sotto l'acqua.

- Per rimuovere lo sporco ostinato dal lavello e dalle pentole si possono mischiare i fondi di caffè con un po' di detersivo per piatti per ottenere una crema abrasiva.





Per queste ricette ho preso spunto dalla mia fantasia, dai consigli delle amiche, dalla rete e da una raccolta di ricette per salvare il pianeta.